Ispirazioni eteree nello yoga

Da quando ho iniziato a studiare lo yoga, sono rimasta affascinata dall’induismo, spesso si pensa sia una religione politeista ma non è così, in realtà sono tutte rappresentazioni fisiche  di un unica divinità, ogni “avatar” indù rappresenta delle qualità:

Lakshmi

Lakshmi 

colei che dona con generosità, sia a livello materiale che spirituale. Raffigurata sul fiore di loto, simbolo di purezza e di trascendenza dei limiti del mondo manifesto. E’ la personificazione della Madre Divina, a Lei sono associati doni come la generosità, l’intelligenza, la prosperità, l’illuminazione e il risveglio interiore.

Il mio nome spirituale “Kanti devi” è uno dei nomi di Lakshmi.


yoga

Ganesha

Ganesha 

raffigurato come il Dio dalla testa di elefante provvisto di una sola zanna, rappresenta la forza e il coraggio morale, possedendo il perfetto equilibrio degli opposti, riesce a distinguere il reale dall’irreale per questo è simbolo del non dualismo. Con la sua proboscide rimuove gli ostacoli e conferisce successo. Cantare le sue lodi all’inizio di ogni cosa è di buon auspicio.

Mi sento particolarmente in sintonia con Lakshmi e Ganesha, ognuno di noi possiede all’interno tutte le doti che loro rappresentano e ogni giorno mi aiutano a confrontarmi con il Se, la nostra vera essenza, aiutandomi a sviluppare queste qualità nella vita quotidiana.